Archivi Blog

La CNAP aderisce alla manifestazione “Emergenza Cultura. Salviamo l’art.9”

La CNAP ha deciso di aderire alla protesta del 7 Maggio “Emergenza Cultura. Salviamo l’art.9!” perché ritiene che sia necessario creare una coscienza comune dell’emergenza culturale che attanaglia l’Italia, e non solo, da almeno 20 anni.

Diversamente da quanto scritto nel manifesto della protesta noi siamo convinti che le Soprintendenze uniche siano un’opportunità non rimandabile proprio per la tutela del paesaggio culturale complesso e stratificato che caratterizza l’Italia e ne costituisce una grande ricchezza.

Siamo però altrettanto convinti che questo non possa accadere senza una consultazione priva di pregiudizi reciproci tra il Ministero, i professionisti e le Università, in tempi ragionevoli e con un notevole apporto di risorse umane e finanziarie che possano sostenere il nuovo progetto.

Siamo oltretutto convinti che l’archeologia non possa esistere senza che nella figura professionale dell’archeologo convivano il ricercatore e il comunicatore.
A tale proposito facciamo notare come sia assolutamente incongruo creare un profilo di responsabile di comunicazione e promozione separato dagli altri, come accade nell’ultimo bando ministeriale per l’assunzione di 500 funzionari per le nuove Soprintendenze.

Crediamo quindi che sia inevitabile e imprescindibile creare un fronte comune con tutti i professionisti dei Beni Culturali per comunicare la necessità impellente del tanto evocato e contemporaneamente palesemente osteggiato rinascimento culturale italiano, che porti l’intera collettività sociale a percepire la tutela del paesaggio e della sua integrità come indispensabile al proprio benessere.
Questo significherà anche dover combattere contro l’atteggiamento schizofrenico di una politica che prima vuole legare l’istruzione di ogni grado alla creazione di professionalità spendibili sul mercato del lavoro e poi comunica invece la possibilità di sostituire le professionalità già esistenti con volontariato o lavoro sottopagato mascherato da associazionismo culturale o da ricerca a titolo gratuito.

Per questo saremo in piazza il 7 Maggio e speriamo che i nostri colleghi di tutti i settori e tutti i professionisti dei Beni Culturali saranno al nostro fianco, in questa occasione e nello sforzo quotidiano di salvaguardare la dignità e la qualità della professione.

Salviamo l’art. 9 !

 

 

Annunci