Statuto


Art. 1 DENOMINAZIONE, SEDE, NATURA

È costituita, con sede in Milano, Via Pordenone, 32, l’Associazione denominata “Confederazione Nazionale Archeologi Professionisti”, con sigla “CNAP”.

Il simbolo o logo della Confederazione, di colore amaranto, sarà costituito dalla Nike di Samotracia alle cui spalle, immediatamente al di sotto delle ali, campeggiano, una sotto l’altra, con le iniziali di maggiori dimensioni e in grassetto, le parole in maiuscolo “confederazione”, “nazionale”, “archeologi”, “professionisti”.

L’Associazione:

–       ha finalità socio-culturali;

–       non ha scopo di lucro.

Art. 2 FINALITÀ

Gli scopi principali che l’Associazione si propone sono:

–      la valorizzazione dell’attività intellettuale degli archeologi qualificati;

–      la crescita culturale e professionale dei propri soci;

–      promuovere tutte le attività direttamente o indirettamente collegate con l’attività professionale dell’archeologo;

–      formulare e promuovere proposte per la valorizzazione e la tutela professionale;

–      mantenere rapporti con Associazioni professionali, sia a livello nazionale sia a livello europeo;

–      non avere scopo di lucro.

Art. 3  DURATA

L’Associazione ha durata a tempo indeterminato.

Art. 4 AUTONOMIA

L’associazione afferma la sua completa autonomia nei confronti di partiti, formazioni politiche, dai pubblici poteri e dagli enti locali.

Art. 5 ISCRIZIONE

L’iscrizione all’Associazione è gratuita e implica l’accettazione incondizionata dello Statuto.

Lo status di socia o socio può essere riconosciuto alle persone fisiche o giuridiche nonché alle Associazioni che condividono le medesime finalità della  “Confederazione Nazionale Archeologi Professionisti”,  si impegnano a contribuire alle attività, versano la quota associativa annuale stabilita dal Comitato Direttivo. Non possono associarsi coloro che hanno riportato condanne definitive per reati di grave allarme sociale o per altri reati che comportino incompatibilità sostanziale con le finalità dell’Associazione.

Art. 6 SOCI

Tutti i Soci sono tenuti al versamento di un contributo liberale annuale.

Soci effettivi sono considerati coloro che dimostrino di essere in possesso di:

–       Titolo di laurea specialistica/magistrale in Archeologia, laurea (quadriennale) vecchio ordinamento in Lettere (indirizzo storico-archeologico) o in Storia (indirizzo antichistico e/o medievistico) della Facoltà di Lettere e Filosofia, in Conservazione dei Beni Culturali (indirizzo archeologico) o di altra laurea conseguita presso università italiane o estere dichiarata equipollente;

–       Un periodo comprovato di due anni complessivi di esperienza professionale retribuita, se non dotati di ulteriore titolo di Specializzazione/Dottorato in Archeologia.

I soci effettivi godono dell’elettorato attivo e passivo e si distinguono in:

–       Soci fondatori (SF), coloro che partecipano all’atto costitutivo dell’Associazione;

–       Soci ordinari (SO).

Sono considerati soci aderenti (SA) coloro che dimostrino di essere in possesso almeno della laurea generica nuovo ordinamento (triennale). I soci aderenti godono del solo elettorato attivo.

Ogni socio segue le modalità di iscrizione previste dell’art. 5 del presente Statuto, partecipa all’Assemblea dei Soci (regionale) a cui afferisce il suo domicilio (se diverso dalla residenza) e alle attività dell’Associazione, esprimendo la propria opinione sugli argomenti in discussione, esercitando la propria critica.

Art. 7 STRUTTURA

Organi dell’Associazione sono:

Il Comitato Direttivo

Le Assemblee dei Soci

Il Consiglio Nazionale

Art. 8 IL COMITATO DIRETTIVO

Il Comitato Direttivo è composto dal Presidente, dal Vice Presidente e dal Tesoriere.

Il Comitato Direttivo organizza e amministra l’Associazione.

Art. 9 IL PRESIDENTE

Il Presidente:

–      rappresenta l’Associazione a tutti gli effetti;

–      promuove e dirige l’attività dell’Associazione;

–      è nominato a maggioranza dalle Assemblee dei Soci ogni tre anni;

–      nomina Vice Presidente e Tesoriere;

–      presiede il Comitato Direttivo.

Nel caso di dimissioni del Presidente, questi è sostituito dal Vice Presidente, il quale chiederà alle Assemblee dei Soci, anche via e-mail, una nuova nomina in sede di riunione.

Art. 10 IL VICE PRESIDENTE

Il Vice Presidente è nominato dal Presidente e in caso di sua assenza lo sostituisce.

Art. 11 IL TESORIERE

Il Tesoriere:

–       è nominato dal Presidente;

–       aggiorna il Consiglio Direttivo sulla situazione finanziaria dell’Associazione;

–       tiene la contabilità in un libro di cassa;

–       custodisce il patrimonio dell’Associazione;

–       funge da segretario alle riunioni del Comitato Direttivo.

Art. 12 IL PATRIMONIO

Il patrimonio dell’Associazione è composto da:

–       contributi dei soci;

–       contributi di privati e/o enti pubblici;

–       eventuali introiti di iniziative permanenti e occasionali che l’Associazione potrà organizzare;

–       lasciti e donazioni.

Art. 13 RIUNIONE DEL COMITATO DIRETTIVO

La riunione del Comitato Direttivo, straordinaria, è da convocarsi ogni volta che il Comitato Direttivo lo ritenga opportuno oppure dietro richiesta scritta e motivata di almeno 1/3 dei soci, anche via e-mail, con i seguenti scopi:

–       apportare modifiche allo Statuto;

–       decidere su argomenti di notevole importanza per la finalità dell’Associazione stessa.

Art. 14 LE ASSEMBLEE DEI SOCI

Le Assemblee dei soci:

–      sono divise per regione, si compongono di almeno tre soci e sono coordinate da un Segretario;

–      nominano a maggioranza il Presidente, ogni tre anni, secondo quanto previsto dall’art. 5 del presente Statuto.

Art. 15 IL SEGRETARIO

Il Segretario, uno per ogni regione:

–      coordina l’Assemblea (regionale) dei Soci e ne è portavoce;

–      è nominato a maggioranza dalla relativa Assemblea dei Soci, ogni tre anni.

Art. 16 RIUNIONI DELLE ASSEMBLEE DEI SOCI

Le riunioni delle Assemblee dei Soci, ordinarie, sono da convocarsi almeno una volta l’anno, mediante avviso anche via e-mail, ed hanno i seguenti scopi:

–       proporre linee programmatiche e strategie, in linea con gli scopi principali dell’Associazione;

–       approvare il bilancio del Comitato Direttivo.

Le riunioni sono sempre valide, qualunque sia il numero dei soci intervenuti.

Art. 17 IL CONSIGLIO NAZIONALE

Il Consiglio Nazionale è un organo di rappresentanza delle Assemblee dei Soci (regionali) ed è composto dai rispettivi Segretari.

Art. 18 RIUNIONE DEL CONSIGLIO NAZIONALE

La riunione del Consiglio Nazionale, ordinaria, è da convocarsi almeno una volta l’anno, mediante avviso anche via e-mail, e ha i seguenti scopi:

–       approvare le linee programmatiche e le strategie proposte a livello regionale (Assemblee dei Soci) in linea con gli scopi principali dell’Associazione;

–       confermare l’approvazione del bilancio del Comitato Direttivo.

Le riunioni sono sempre valide, qualunque sia il numero dei Segretari intervenuti.

Art. 19 FINANZIAMENTI E PATRIMONIO

L’Associazione fa fronte alle spese necessarie per l’attuazione dei suoi scopi tramite:

a) quote e contributi delle socie e dei soci;

b) eventuali eredità, donazioni e legati;

c) eventuali contributi dello Stato, delle regioni, di enti locali, di enti o di istituzioni pubblici, anche finalizzati al sostegno di specifici e documentati programmi realizzati nell’ambito dei fini statutari;

d) eventuali contributi dell’Unione europea e di organismi internazionali;

e) eventuali entrate derivanti da prestazioni di servizi convenzionati;

f)eventuali erogazioni liberali degli associati e dei terzi;

i) altre entrate compatibili con le finalità proprie dell’Associazione.

In particolare, l’Associazione può acquisire corrispettivi e rimborsi maturati la realizzazione di ricerche, studi, indagini, pubblicazioni, eventi e spettacoli.

Il patrimonio della Confederazione, formato con le entrate di cui sopra, è vincolato allo scopo sociale.

Art. 20 SCIOGLIMENTO

In caso di scioglimento dell’Associazione, per qualunque causa, il patrimonio sarà devoluto con deliberazione dell’Assemblea dei soci, a maggioranza qualificata, che ne nomina la liquidatrice, ad altre Associazioni che perseguano finalità analoghe.

Art. 21 ESERCIZIO SOCIALE

L’esercizio sociale si chiude il 31 dicembre di ogni anno.

Art. 22 NORME TRANSITORIE

L’Assemblea Costituente è valida qualunque sia il numero degli aderenti.

L’Assemblea Costituente approva lo Statuto e nomina il Presidente, che resterà in carica per il primo mandato di tre anni.

Art. 23 DISPOSIZIONI FINALI

Per quanto non previsto dal presente Statuto si applicano le disposizioni del Codice civile e le disposizioni di legge vigenti in materia.


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: