Contro l’ennesimo bando lesivo per la professione Archeologo

La CNAP e la CIA hanno preso una chiara e netta posizione contro l’ennesimo bando che sfrutta il volontariato che lede la professione dell’Archeologo
LetteraAlcamoCIA_CNAP_giugno2015_1LetteraAlcamoCIA_CNAP_giugno2015_2

Aderisci a CNAP: campagna 2015!

La Confederazione Nazionale Archeologi Professionisti (CNAP) nasce dall’impegno di giovani archeologi di tutta Italia con lo scopo di cambiare la condizione professionale degli Archeologi. L’idea comune e filo conduttore è stata quella di unire le forze per portare avanti battaglie per le legittime richieste di riconoscimento professionale della Categoria. L’idea CNAP, frutto di dialettica scevra da condizionamenti esterni, ha portato alla realizzazione di un progetto le cui basi sono chiare nello Statuto, nell’assunzione di un Codice Deontologico Professionale e che mettono l’Archeologo, sin dal suo ingresso all’Università, al centro della propria attenzione.

In 4 anni abbiamo portato avanti diverse battaglie per la tutela professionale, fra cui il percorso di definizione della Professione attraverso la normativa UNI, in corso di realizzazione. Ma la battaglie per la nostra dignità come Archeologi hanno bisogno del sostegno fattivo di tutti i colleghi, solo insieme si possono ottenere risultati a vantaggio della Categoria, del nostro lavoro, del nostro patrimonio.

L’adesione a CNAP, oltre alla partecipazione attiva alla battaglia per la tutela professionale, permette la possibilità di accedere alla consulenza fiscale e legale offerta dai nostri consulenti.

Locandina_Campagna_Iscrizione_CNAP_2015

Per aderire: https://archeologiprofessionisti.wordpress.com/2012/01/22/diventa-socio-cnap/

tessera2015_f

7 Dicembre 2014, Giornata nazionale dell’Archeologia, del Patrimonio e del Restauro

7 Dicembre 2014, Giornata nazionale dell’Archeologia, del Patrimonio artistico e del Restauro
Per noi professionisti archeologi e per tutti i professionisti dei BBCC non è una giornata di festa, ma l’occasione per richiamare l’attenzione alle politiche di desautarazione della categoria e del patrimonio. Dignità per gli archeologi
#nocostozero

image

 

Logo_CNAP

Milioni di euro per il lavoro gratuito. I dubbi e le domande dei professionisti della cultura

Apprendiamo con sconcerto del protocollo di intesa per l’impiego di 2.000 volontari di Servizio Civile Nazionale per la tutela e la valorizzazione del patrimonio culturale. Si tratta dell’ennesimo passo verso una gestione dei Beni Culturali che antepone il mero risparmio nel breve termine alla qualità e alla professionalità, affidando a dei giovani privi delle necessarie competenze un compito delicato che richiede, soprattutto nell’era digitale e della comunicazione di massa, professionalità con competenze specifiche. Il ministro Franceschini ha dichiarato che, a fronte di un impegno complessivo di circa 11 milioni di euro, questo “primo protocollo interistituzionale inaugura un percorso di sperimentazione di progetti di servizio civile nazionale innovativi, capaci di coniugare lo spirito proprio del servizio civile, esperienza di formazione e arricchimento sia per i giovani che per la società, con la necessità di agevolare l’ingresso di giovani professionalità nel mondo del lavoro”. Come professionisti dell’archeologia ci chiediamo innanzitutto se questi 11 milioni di euro non potessero essere impiegati, piuttosto, per progetti di messa in valore e tutela dei beni culturali, elaborati dai professionisti competenti in materia e di cui l’Italia è ricca, anche se, come emerge dalle sue interviste, il ministro sembra non saperlo. I giovani volontari del servizio civile potrebbero, eventualmente, far parte di tali progetti nel rispetto di criteri museologici, museografici e scientifici che sono il sudato risultato di competenze acquisite in anni di studio e di ricerca e che, in quanto tali, dei giovani volontari non possono avere. Ci chiediamo inoltre come si possa affermare che un simile protocollo serva ad “agevolare l’ingresso di giovani professionalità nel mondo del lavoro” e che “la certificazione delle competenze acquisite nel corso dell’anno di servizio civile nazionale è uno degli elementi per consentire ai giovani di poter spendere nel mondo del lavoro l’esperienza maturata” quando poi il mondo del lavoro dei beni culturali ricorre sempre più spesso e sempre più massicciamente all’utilizzo di volontari, compresi i ragazzi in questione, lasciando senza impiego e quindi senza retribuzione i professionisti qualificati che questi ragazzi dovrebbero formare e di cui dovrebbero certificare le competenze. Quale messaggio vogliamo dare, come Stato, ai giovani che vogliano donare un anno della loro vita alla loro comunità? Che il loro ruolo è quello di meri “rimpiazzi” quando i fondi non sono sufficienti per le assunzioni? Che la cultura e il patrimonio, che loro dovrebbero curare, non meritano personale competente e che quindi le loro future competenze saranno inutili, come pare lo siano le nostre, adesso, per il Ministero? Oppure che anche il loro contributo può essere importante per una buona gestione, o governance, come pare sia più moderno chiamarla, dei Beni Culturali, in collaborazione e guidati con dei professionisti che, tutelati, possano a loro volta tutelarli e farli crescere come professionisti e come cittadini?
Restiamo in attesa di una risposta reale, competente e motivata del ministero e degli altri enti coinvolti.

 

Hidden Treasure o della cecità del “costo zero”

Hidden Treasure o della cecità del costo zeroHidden Treasure o della cecità del costo zero_1Hidden Treasure o della cecità del costo zero_2

Tavola rotonda:”Archeologia in Italia tra professione e ricerca”, Firenze 14 Maggio 2014

CNAP parteciperà, il 14 maggio 2014, alla Tavola Rotonda organizzata dalla Scuola di Specializzazione in Beni Archeologici dell’Università di Firenze, intitolata “Archeologia in Italia tra professione e ricerca”.
Di seguito potete vedere la locandina dell’evento al quale siete tutti invitati a partecipare.

20140508-220234.jpg

Il riconoscimento della categoria professionale – Intervento agli “Stati Generali dell’Archeologia, 2014”

Nel 2014, XXI secolo, siamo ancora a dover lottare per il riconoscimento della categoria professionale, un paradosso agli occhi di chi non conosce il mondo dell’archeologia. Diventato ancor più insostenibile con l’avvento, negli ultimi decenni, prima dell’archeologia d’emergenza e poi della preventiva.

Per quanto paradossale tuttavia è questa la realtà dei fatti. Poiché siamo convinti che l’archeologo professionista sia l’avanguardia della tutela e, dunque della ricerca, abbiamo deciso di affiancare l’azione concreta alle parole, perseguendo la strada della normativa UNI, che ci permette di “agire dal basso” e autodefinirci.

Facciamo questo rallegrandoci del fatto che finalmente è in fase di approvazione la modifica del codice dei beni culturali che contempla le diverse figure professionali che operano sui beni culturali, il Pdl362, nota come proposta Madia-Ghizzoni-Orfini, presentata nella sua prima formulazione nel 2008! Ma esso è solo l’inizio, un incipit, per una professione “border line” per il mondo del lavoro, cui seguirà un elenco, non obbligatorio, stabilito presumibilmente su requisiti di titoli di studio.

A questo noi vogliamo aggiungere dei riferimenti chiari  per la realtà in cui ci muoviamo, il mondo del lavoro, che i soli requisiti di titolo non danno. Un fattore imprescindibile è l’esperienza, sotto tutti gli aspetti. Per queste motivazioni la CNAP, insieme alla CIA e alla FAP, hanno perseguito da più di 2 anni il percorso della normazione UNI, secondo le indicazione della legge 4/2013 sulle professioni non regolamentate da ordine od albo. Questo percorso, a nostro avviso, risulta indispensabile perchè una norma, pur non essendo obbligatoria (come d’altra parte un’eventuale certificazione), si struttura sulla definizione della professione e sugli ambiti di intervento, ovvero nel nostro caso chi è archeologo e cosa può fare.

Definizione e ambiti verranno inoltre meglio specificati attraverso livelli definiti in base all’European Qualification Framework (EQF), strutturati in base ai titoli, le competenze e le abilità. Secondo questa struttura la nostra professione dovrebbe rientrare nei 3 livelli superiori dell’EQF, VI, VII e VIII. Naturalmente all’interno di questa struttura assume un notevole peso l’esperienza, che viene definita tramite competenze e abilità. Dunque risulta chiaro che questa formula porterebbe finalmente a definire non solo chi è l’archeologo, ma anche e soprattutto cosa può fare in base a chiari requisiti.

Tutto questo darebbe una svolta alla nostra professione: finalmente potremo muoverci in ambiti definiti e chiari, finalmente si potrà mettere ordine al caos in cui operiamo al di fuori di Ministero e Università, oltre, cosa non da poco, a dare riferimenti precisi alle committenze, agli altri professionisti che spesso lavorano al nostro fianco. Inoltre anche Ministero ed Università avrebbero un chiaro interlocutore in chi opera nell’archeologia d’emergenza, nell’archeologia preventiva: l’archeologia pubblica. La tutela professionale dunque risulta indispensabile in primis per ragioni di etica e dignità, ma anche perché da essa dipende la tutela del nostro patrimonio, della nostra storia.

La deregolamentazione ha agevolato uno stato di cose oramai inaccettabile, sia per i professionisti, che operano in condizioni precarie e contratti al limite della dignità umana, sia per tutto il mondo dell’archeologia. Speriamo dunque che i nostri interlocutori, Ministero e Università, che sono oggi qui rappresentati, siano disponibili per quanto di loro competenza, a collaborare per raggiungere la tutela professionale tramite il riconoscimento e la definizione professionale.

Milena Saponara, Vicepresidente CNAP

Alessandro De Rosa, Presidente CNAP

Sant’Agata de’Goti, 30 Aprile 2014

Stati Generali dell’Archeologia 2014 – Sant’Agata de’Goti, 30 Aprile 2014

La Confederazione Nazionale Archeologi Professionisti parteciperà con un intervento al convegno “Stati Generali dell’Archeologia. Un aggiornamento sul tema”. Il convegno si terrà contestualmente all’inaugurazione della mostra “Sotteranea”, presso la Sala Ex-Cinema Italia a Sant’Agata de’Goti il giorno 30 Aprile 2014. In rappresentanza di CNAP, interverrà la Dott.ssa Milena Saponara, Vicepresidente dell’Associazione: nei prossimi giorni potrete leggere sul nostro sito il testo dell’intervento.

Manifesto condiviso dalle associazioni aderenti a #500NO

Manifesto_500NOManifesto condiviso dalle associazioni aderenti a #500NO.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 98 follower